8 Punti essenziali per ottimizzare il tuo sito web

Che si tratti di preferenze di progettazione o best practice di ottimizzazione, il Web si muove rapidamente.

Un sito web all’avanguardia lanciato nel 2014 secondo i più alti standard dell’epoca potrebbe essere oggi assolutamente obsoleto, magari per l’uso eccessivo di effetti allora in voga, oppure perché  è stata data priorità all’esperienza desktop a spese dell’usabilità mobile.

Man mano che il tuo sito inizia a invecchiare, ti starai chiedendo se valga la pena investire in modifiche e aggiornamenti al tuo sito esistente o farlo saltare in aria e ricominciare da zero secondo gli standard odierni.

Mentre un nuovo sito web ben progettato e ben realizzato può essere una cosa meravigliosa, ci sono alcune piccole ottimizzazioni che puoi apportare per modernizzare il tuo sito esistente ed estenderne la durata sia dal punto di vista dell’utente che da quello SEO.

Ecco nove semplici, ma efficaci modifiche che puoi apportare per aiutare il tuo sito web a rimanere al passo con i tempi.

1. Abilitare HTTPS

HTTPS è stato introdotto come protocollo web sicuro nel 1995, ma abbiamo dovuto attendere fino al 2015 perché metà di tutti i siti Web servissero pagine crittografate.

Se il tuo sito non gestiva transazioni con carta di credito o trasferimenti di dati sensibili e riservati, la crittografia non era essenziale.

Poiché la sicurezza dei dati è diventata una priorità – o una legge, nel caso del Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR) – sempre più webmaster hanno abilitato HTTPS per proteggere il trasferimento di elementi da utente a server (come password e dati personali) e dal server all’utente (come il contenuto visualizzato).

Se il tuo sito web è stato progettato prima del 2015, è possibile che tu non abbia ancora installato un certificato SSL per pubblicare pagine su HTTPS.

Google ha iniziato a dare la priorità ai siti con HTTPS nei risultati di ricerca a partire dal 2017 e lo ha reso ancora più indispensabile nel 2018.

Con evidenti indicatori in Chrome che indicano se un sito non è sicuro, molti utenti ora diffidano dall’interagire con le versioni HTTP dei siti, senza mai inserire dati sensibili o informazioni sulla carta di credito.

Esistono molte opzioni per l’acquisto di un certificato SSL e l’abilitazione di HTTPS. Let’s Encrypt offre certificati SSL/TSL gratuiti, mentre le reti di distribuzione dei contenuti (CDN) come CloudFlare includono l’accesso a un certificato condiviso nel piano gratuito.

2. Passare a Google Tag Manager

Google Tag Manager è stato introdotto per la prima volta nel 2012 per semplificare la gestione dei codici di analytics e di tracking.

Se non l’hai adottato all’epoca, è possibile che il tuo sito web abbia ancora tag codificati per tutto, dagli eventi di Google Analytics alle conversioni di Google Ads e al Pixel di Facebook.

In passato potresti aver fatto affidamento su uno sviluppatore per inserire tag o utilizzare un plug-in WordPress per inserire codici di tracciamento in una pagina, che ora potrebbe presentare una vulnerabilità di sicurezza soprattutto se si tratta di un plug-in obsoleto.

Passare a Google Tag Manager ti aiuterà a organizzare e gestire quasi ogni tipo di codice di monitoraggio.

Oltre ai tag integrati per le proprietà di Google all’integrazione con un clic con piattaforme come Facebook Pixel, i tag, i trigger e le personalizzazioni di Google offrono infinite possibilità di personalizzazione.

La modalità di anteprima di Google Tag Manager ti consente di fare dei test per assicurarti che tutti i tag vengano attivati ​​come si deve o correggere eventuali problemi.

Infine, la funzionalità di pubblicazione di GTM semplifica il monitoraggio delle modifiche e il ripristino di una configurazione precedente, se necessario.

3. Rimuovere Google Plus dalle icone social

Se il tuo sito è stato progettato nell’ultimo decennio, è molto probabile che tu abbia una riga di icone social nell’intestazione o nel piè di pagina.

Dai un’occhiata: hai ancora Google+ elencato nella riga?

Lanciata nel 2011, si prevedeva che Google+ fosse una piattaforma concorrente per Facebook, ma a causa del basso coinvolgimento degli utenti, il network è stato sospeso nel 2019.

Questo è uno step facile facile: è tempo di rimuovere Google+ dalle icone social sul tuo sito.

4. Configurare ReCAPTCHA e misure anti-spam

Lo spam dei moduli di contatto generato da bot automatici è una delle cose più fastidiose.

Dato che circa il 35% di tutti i siti web è basato su WordPress, non c’è da stupirsi perché i bot siano programmati per colpire moduli non sicuri su questi siti in modo così aggressivo.

C’è un lungo elenco di misure anti-spam che puoi adottare, il sistema di sicurezza ReCAPTCHA di Google è notevolmente migliorato dal suo lancio nel 2007.

L’ultima versione, reCAPTCHA v3, viene eseguita in modo invisibile in background per avvisarti del traffico sospetto senza intralciare i tuoi utenti – intralci come per esempio l’identificazione di strisce pedonali in un’immagine sgranata per inviare un modulo.

5. Aggiornare la chiave API di Google Maps

Nel 2018 Google ha rinnovato la sua piattaforma Google Maps per adottare un modello pay-per-use per le chiamate API.

Il nuovo modello di prezzi di Google addebita ovunque da $ 5- $ 30 per 1.000 richieste, ma Google ha incluso anche un credito mensile di $ 200.

Per la maggior parte delle piccole attività, ciò significava che potevano continuare a utilizzare l’API di Maps gratuitamente.

Qual è il problema?

Bene, molti siti senza webmaster attivi hanno ignorato l’avviso e quindi hanno una mappa non funzionante incorporata nel loro sito.

Per risolvere questo problema, è sufficiente registrare un account con la piattaforma Google Maps per ottenere la chiave API e inserirla nel back-end del sito Web.

6. Migliorare l’usabilità mobile

Il traffico mobile rappresenta oggi oltre il 52% di tutto il traffico web (rispetto a circa il 31% all’inizio del 2015).

Questa quota di mercato continuerà a salire.

Se aggiungiamo il passaggio completo di Google all’indicizzazione mobile-first nel luglio 2019, non è mai stato così importante avere un sito facile da navigare su un dispositivo mobile.

Che aspetto ha un’esperienza mobile ottimizzata?

Il testo e le immagini devono essere responsive, in grado di adattarsi alle dimensioni dello schermo.

I pulsanti e le voci di menu devono essere grandi e facili da premere.

Infine, le azioni di conversione come la compilazione di moduli e l’esecuzione di un checkout dovrebbero essere facili e richiedere il minor numero di dati possibile da parte dell’utente.

Puoi utilizzare uno strumento come il Test di ottimizzazione per dispositivi mobili di Google per scoprire se il tuo sito è facile da navigare sui dispositivi mobili e ottenere consigli su come renderlo più usabile..

7. Implementare la Speed Optimization

Sia da desktop che da cellulare, il tuo sito dovrebbe caricarsi rapidamente, poiché la maggior parte degli utenti se ne andrà se impiega più di 3 secondi per caricare una pagina.

Puoi utilizzare strumenti come PageSpeed Insights di Google per controllare il tuo sito e ottenere consigli su come ottimizzarne la velocità.

Le ottimizzazioni di esempio includono:

  • Passare a un server più veloce.
  • Fornire i contenuti memorizzati in cache su una rete di distribuzione dei contenuti (CDN).
  • Compressione delle immagini.
  • Fornire immagini ridimensionate (vale a dire, non è utile caricare un logo di 2.000 px per 2.000 px se occuperà solo 200 px sulla pagina).

Sfrutta questa opportunità per controllare il tuo codice sorgente: ci sono script obsoleti che puoi rimuovere?

Manualmente o utilizzando un plug-in si possono minimizzare HTML e CSS, ma attenzione anche all’installazione di troppi plug-in poiché ciò può influire notevolmente sulla velocità e sulla sicurezza.

8. Effettuare uno sfoltimento dei contenuti

Se non hai gestito attivamente il tuo sito negli ultimi anni, ci sono buone probabilità che tu abbia contenuti obsoleti e irrilevanti.

Ciò non solo provoca confusione per i crawler dei motori di ricerca, ma può anche essere frustrante per gli utenti quando trovano un programma PDF obsoleto tramite la ricerca di Google o cercano di sfruttare il codice promozionale primaverile del 2015 scaduto.

Usa strumenti come:

  • Screaming Frog per condurre un’analisi completa.
  • Google Search Console che ti fornirà informazioni su impressioni e clic per ogni pagina.
  • Google Analytics.

Quindi aggiorna / migliora il contenuto, combina le pagine o rimuovile del tutto – assicurati di impostare reindirizzamenti 301 in modo che tutto il traffico che sarebbe arrivato su quelle pagine sia diretto a una pagina attiva pertinente.

In conclusione

Sebbene un nuovo sito web progettato secondo gli standard attuali sarebbe sicuramente la cura migliore, potrebbe anche rivelarsi uno sforzo costoso e impegnativo.

Queste otto ottimizzazioni (relativamente) rapide ti aiuteranno a rinfrescare il tuo sito web e offrire un’esperienza molto migliore sia agli utenti che ai crawler di ricerca senza spendere troppo.

Se sai che è il momento di fare qualcosa, ma non hai il tempo o le capacità di farlo personalmente, contattami e definiremo assieme una strategia per migliorare il tuo sito!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *